Iscriviti     Accedi
Ushiabta

Ushiabta

Ultimo avvistamento: 2 giorni fa
Ho 81 anni. Mi collego da Milano

Sostituisco la defunta nei suoi lavori di decespugliamento..
I miei film preferiti

Non ho ancora inserito la lista dei miei film preferiti
IL MINIBLOG DI Ushiabta

Quando lo scorrere del tempo non serve a nulla..
postato Marted 12 Settembre 2023 - Ore 07:10

La vita e' emotivamente caratterizzata da due aspetti tra loro assai distinti.

Quello prettamente razionale che impone una organizazione pratica per stare al mondo e quello onirico che ti permette mentalmente di sganciarti dal precendente, fanculizzare impegni e doveri e renderti davvero felice, per frazioni forse solo di attimi, ma che alle volte valgono l' intera esistenza.

Ci deve essere a mio avviso un equo bilanciamento tra i due aspetti..Ricordo un giorno di aver visto un video che racchiudeva bene questo mio ragionamento in cui si vedeva un vecchietto sulla sua poltrona e i suoi farmaci di ogni tipo ad un certo punto prendere gli stessi infilarli al volo in uno zaino, prendere alla svelta abiti spazzolino e sapone ed uscire alla conquista del sole e dello spazio.

Per fare delle cose di piacere che diano benessere all' animo servono spesso dei soldi..Quante volte s sente dire, vorrei partire ma non me lo posso permettere, Accumulo conseguente di rabbia e di riflesso individuazione falsa dei responsabili del fallimento dei sogni di leggerezza.

Anche la leggerezza di cui tutti necessitano nella vita e' costituita da modelli predefiniti necessariamente sempre da affermare attraverso selfie sui social.

Sara' che amo la fotografia ma ho sviluppato negli anni una vera capacita' di distinguere tra chi una immagine la pubblica per condividere bellezza e chi invece per ostentare quello che io magari con uno sfondo divino considere un suo fallimento.

La leggerezza e' uno stato mentale che prescinde dal luogo in cui ci si trova.

Quando mia madre si ammalo' di cancro e fu ricoverata per un lungo periodo in un reparto oncologico a me venne data la possibilita' di assisterla h24 e quello per quanto drammatico costitui' per me una esperienza unica e formativa sulla leggerezza anche nei casi estremi..

Mia madre era ricoverata in camera con altre tre donne, tutte assai malconce ma tutte unite dallo stesso identico destino..al limite della vita e con quell' accettazione della stessa scandendola pero' di ironia e sarcasmo.

Io ero letteralmente sbigottita delle risate vere in quella stanza.perche' mentalmente ero catapultata solo sulle condizioni del loro fisico mentre loro tutte erano decisamente oltre.

Ricordo che un giorno passarono in stanza un depliant che ciascuna di esse doveva compilare circa i servizi medici offerti..erano i primi di dicembre..fuori lacrime di pioggia scivolavano sui vetri, e macchinari di ogni genere erano collegati a quei poveri corpi ma non dimentichero' mai le loro risate veramente a crepapelle nel descrivere dettagliatamente e criticamente ogni singolo servizio assistenziale ricevuto.

L' unico elemento diverso in quella stanza ero io, troppo annientata dal dolore, vedevo il tutto con grande tristezza, non avevo ancora capito che la leggerezza e' uno stato mentale, non del fisico.

Poco prima di Natale, tutte le donne di quella stanza erano morte..ed io capii che la mia presenza in quel luogo assai assidua era solo stato un ulteriore regalo che la vita mi aveva fatto non per star vicino a tutte loro e cercare di assisterle come ingenuamente avevo creduto ma per farmi comprendere quanto in realta' fossero loro ad aver aiutato me..a capire cose che diversamente mai avrei capito.

Una volta fuori da quella dimensione elaborando il lutto e razionalmente andando avanti nella vita compresi che la leggerezza reale, quella cioe' non da finzione vacanziera social, passa alle volte da piccoli infinitesimali dettagli.

Nel mio caso specifico, abitando in un luogo di mare, iniziai ad avere un rapporto quasi goliardico con il vento.Nella mia famiglia sono denominata, Annie " la donna del vento " non a caso, e tutto quello che per altri e' corrente ariosa e rischio di prendersi una polmonite per me e' vitalita e leggerezza..

A sua volta il peso piuma dell' anima si trasmette anche sul lato armonico della persona e diventa a sua volta la capacita' di vivere serenamente con chi ci sta intorno.

Tutto questo lo scrivo, perche' ho chiaramente notato che alcuni di voi, forse sono ben strutturati sul lato razionale della vita ma non certo su quell' armonico mentale ed e' davvero assai grave che sia cosi'..perche' sono passati secoli ma non si e' compiuto alcun percorso in tal senso..

Amen..

<< Torna al miniBlog di Ushiabta

Commenti:

Non ci sono commenti



Per scrivere un commento fai il login, o iscriviti, tanto gratis!



Chat Amici Blog Giochi online Termini del Servizio Privacy
© 2003-2021 FORMATC LTD. All rights reserved.