Chat gratuita
Login:
MagoHein

MagoHein

Ultimo avvistamento: 5 giorni fa
Ho 29 anni. Mi collego da Roma

A cavallo di uno Sturmgeschütz
I miei film preferiti

Non ho ancora inserito la lista dei miei film preferiti
IL MINIBLOG DI MagoHein

senza titolo


 

Un universo parallelo, in cui tutto è esettamente identico al nostro mondo, tranne per il fatto che in quella realtà TEO MAMMUCCARI è l'uomo con il q.i. più alto del globo.

 

Gli insetti. 

 

Gli insetti che si arrampicano su TEO MAMMUCCARI, pungendolo e mordendolo ovunque, lasciando bolle e piaghe vermiglie nella sua carne.

 

Gli anfibi.

 

Gli anfibi che gracidano e fanno un concerto di suoni ripugnanti alla luce pallida della luna, mentre TEO MAMMUCCARI esce dal suo sepolco millenario, coperto di concrezioni terrose e radici di piante secolari, esplodendo in un grido rauco che farebbe rabbrividere ogni essere umano, se ne fosse rimasto qualcuno in vita per ascoltarlo.

 

I pesci.

 

I pesci sono tornati padroni del mondo, spietati signori del regno marino. Nessun lembo di terra, ormai, spunta fuori dalla superficie dell'acqua. Pesci e solo pesci abitano la terra...no, non solo loro. Nell'abisso più profondo, dove la luce non è che una fantastica ipotesi, si aggira a scatti nervosi...forse...T...e...

 

Postato Marted 14 Maggio 2019 - Ore 15:24 | Commenti (1)    


Inserzione pubblicitaria


 

 

Vecchi-di-merda-che-salgono-sul-tram-e-vogliono-attaccare-bottone-io-vi-ammazzerei-tutti-vecchi-di-merda-che-salite-sui-tram.

 

Ehi tu! Vuoi sconfiggere definitivamente acne, dermatiti e pelle a buccia d'arancia? Come dici? Nessun prodotto fin'ora ti ha soddisfatto? Bhe, allora è il tuo giorno fortunato! La Hein S.p.A. è orgogliosa di presentare la risposta definitiviva ai tuoi problemi cutanei! Si, hai capito bene, la cura definitiva esiste! Chiama senza impegno il numero verde e parla con i nostri operatori! 

La miracolosa cura Hein è facile, veloce ed economica! Cerca il centro convenzionato più vicino o chiedi al tuo dermatologo!

La miracolosa cura Hein farà vedere i primi risultati dopo pochi millenni. Si amica, hai capito bene. Solo pochi millenni!

Vorresti saperne di più vero? Bhe, eccoti accontenta. Il metodo Hein risolverà ogni tuo inestetismo dandoti un fortissimo colpo alla base del cranio con un oggetto contundente. Poi le nostre operatrici passeranno subito alla seconda fase, la mummificazione e la sepoltura! Si amica, hai capito bene! E tutto per soli 19,99 dollari !

Che aspetti? Chiama Subito!

Postato Mercoled 20 Marzo 2019 - Ore 13:46 | Commenti (2)    


Weit lasst die Fahnen wehen


 

Ce piaciono li morti

le mummie e le salmine

perché so' senza spine

nun so' come er baccala'

La societa' dei magnaccioni

la societa' della gioventù

a noi ce piace de magna e beve

e nun ce piace de lavora'

 

 

 

Postato Luned 18 Marzo 2019 - Ore 15:06 | Commenti (1)    


Dei sacri confini guardia sicura


Mi sveglio di soprassalto, madido di sudore, nel cuore della notte. Un pensiero, un solo pensiero mi ha roso l'anima di dentro, rendendomi pazzo ed insonne: immaginate un pianeta, sperduto nell'universo, dal diametro non più ampio di qualche chilometro. Immaginate ora che su questo piccolo pianetoide l'atmosfera sia inesistente, l'aria dunque mortale, inadatta ad ogni forma di vita. Eppure, immaginate anche che su questo pianetino ci siano Flavio Insinna e Enrico Brignano. Cioè, non proprio loro loro, ma due loro doppelgänger, identici in tutto e per tutto a quelli che conosciamo noi. Immaginate anche che siano di dimensioni gigantesche, e ritti in piedi, immobili, al centro di questo pianeta desertico e desolato, perennemente immerso nell'oscurità. Immaginate, per un momento, che questi due giganteschi costrutti non siano però muti, e anzi, per l'eternità si mandino e rimandino suoni e parole dalla spiccata cadenza romanesca. Sono lì, immobili, eterni, da per sempre e per sempre, e nessun essere vivente li vedrà mai.

 

 

Postato Domenica 17 Marzo 2019 - Ore 13:09 | Commenti    


geistergeschichte


Deficiente Salvador Dalì per aver detto: “La gente giovane che prende il bus mi fa schifo. Sono dei falliti. Se volete conoscere un cretino salite su un bus". Concetto stupidino come i suoi q u a d r i.

Io credo, invece, facciano schifo i giovani in macchinetta e/o motorino. Trovo ripugnante il 17enne moto-munito. Mi fa quasi perdere i sensi l'idea di: 18enne neo-patentato. Dirò di più: coglione quel 18enne che inizia la scuola guida ma sa già guidare bene perché un suo zio di merda...nelle campagne sterrate di campagna...gli insegnò...certi rudimenti...della guida...

 

Credo che il dramma sia all'origine, ovvero il bisogno di questa feccia (la gente giovane) di spostarsi da un punto A ad un punto B. Uè cretini, ma dove dovete andare?

 

La Giulia, La Maria, La...La...da andare a prendere e poi in paese, comitiva, gelatino, la birretta, l'amica quella che, Luca, Federico, d'improvviso un Brian. Il dettaglio d'alta finezza registica: il portachiavi delle chiavi del motorino è una lettera in metallo. Sicuramente l'iniziale di un nome. Si, ma nome del proprietario o di una persona amata? (La Giulia...). Esiste una terza via che consiste nella possibilità, seppur remota, che quella Lettera non sia né dell'uno né dell'altra bensì di: sorpresina dentro un pacco di qualcosa.

 

 

 

 

 

I Bus invece sono luogo di eleganza, di inusitata cavalleria: il signore di 100 anni che tremolante si alza nel disperato tentativo di una galanteria mummificata (signora, permette....) (Eeeeh com'è gentile lei...se una dovesse aspettare che sia un giovane ad alzarsi....). E poi le sporte della spesa, quei cellulari con i tasti grandissimi così i vecchi riescono a vederli, gli immigrati del sud-est asiatico che odorano d'aglio alle 9.30 di mattina.

 

"Signore scusi è questa la fermata più vicina al mercato?"

"No, la prossima"

"Mi avverte lei?"

"No, neanche morto"

 

Al mercato poi la vecchia vorrebbe piangere perché: è sola, è tutta un dolore

Postato Mercoled 13 Marzo 2019 - Ore 18:48 | Commenti (1)    


senza titolo


 

Ciao amiche, eccomi, contattatemi solo se siete bellissime, molto formose e con una spiccata propensione per dare fuoco ai barboni addormentati sotto i portici. Io solare, allegro, estroverso. Segno: Cancro

 

 

 

 

Ore 22.34 Ezio Greggio accosta lentamente la sua Opel (subcompact) ai bordi del piazzale di un Ipermercato ormai deserto. Il freddo scava i pori della pelle. Le nocche delle mani si tingono di viola.

Ezio esce dalla vettura sbattendo la portiera, agitato, elettrico. I capelli corti impregnati di sudore nonostante l'ora e la temperatura. Il viso è una maschera d'angoscia.

Con passo incerto si avvicina al retro della vettura. Tira un profondo sospiro. Una lacrima gli solca la guancia. Ezio apre di scatto il bagagliaio.

 

All'interno, un groviglio di teli e coperte sudicie. Solo dei leggeri movimenti tradiscono la presenza di qualcosa di vivo al loro interno. Ezio Greggio tende la mano, come a voler scostare le coperte....tutto ciò che gli esce dalla bocca è un "che dio mi perdoni...."

Con un gesto di scatto, solleva le coperte. Lì sotto, minuscola, assurda, blasfema, c'è una creatura mai vista prima.

Ha le fattezze di un neonato, ma il colore della palle, gli occhi, le protuberanze, non hanno nulla di questo mondo. Ezio Greggio cade in ginocchio, piangendo, in quel freddo piazzale. Con gli occhi chiusi, gonfi di lacrime, riesce a percepire il movimento di quella creatura che si arrampica fuori dal bagagliaio dell'auto.

Non osa aprire gli occhi, ma sente la creatura lì davanti a lui. E poi...

E poi quella parla, proferisce parola. Con la voce di mille demoni, di mille trapassi, con la voce della morte stessa, l'innominabile creatura grida:

LE VELINEEEEEEEEEEEEEEE

 

Postato Mercoled 13 Marzo 2019 - Ore 18:32 | Commenti    


Chat Italiana
CHAT AMICI BLOG GIOCHI LIFESTYLE MUSICA VIDEO