Chat gratuita

Il Muro di PuntoChat

Il posto dove poter discutere di tutto e di più.
Oggi è lun dic 09, 2019 12:50 pm

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: La ballata delle personalità
MessaggioInviato: gio mag 02, 2019 7:50 pm 
Non connesso
è...
è...
Avatar utente

Iscritto il: mar gen 08, 2008 3:31 pm
Messaggi: 6554
La ballata delle personalità

IL PALADINO
Era cosa pura
quanto onore
sembrava l'unto del signore
parlava sempre di destino
con il sorriso di un bambino
e lo vedevi in giro con il suo ideale
contornato di un alone trionfale
ma Pegaso odioso non gli prestava le ali
e Pindaro tedioso nemmeno i sogni
si chiese se era mai esistito il sacro mestiere
quando la vita è infinitamente torta
di raddrizzare i torti del destino
quel giorno sembrava aver udito dal vicolino
"questo non è il posto giusto di un fanciullino"
e ingiusta la vita sulle pelli dei buoni si fa dura
non serve ogni più pia cura
Non servono pallidi campioni
Vidi li affacciato sul mare il bianco paladino scomparire
E con lui il suo alone trionfale
La sua parola è la bora
soffia freddina
E la voce che con coraggio ha alzato
Una breve pagina di storia
E il tempo che non va
mentre lui invecchia per amore
e per se stesso invece chi lo sa


IL GUERRIERO
oh quanta rabbia, non pensavo davvero
che l'odio fosse il mestiere del guerriero
vederlo ancora quì da adulto, a crescere nel grembo l'edera
ferite e feritoie.
Cosa può passare nell'ombra di stuoie, di rammendi di affetti
che sente solo un pochino
non sa tener per mano un bambino ne il suo acquilone
un cuore solo, amore al vetriolo
che vuoi che dica
di una battaglia di vita
lui è il guerriero truce che guarda e tace
il fabbro incupito che scolpisce spade
Che sfoga la sua furia sugli invasori
neri gendarmi
li abbatte passandoli per l'armi
lo sa il guerriero che qualche abbraccio che ruba
non sposta la cupa pioggia in cui nuota
l'infelice mestiere
di uccidere gli incubi
senza alcun piacere




IL POPOLANO
Mi diedero del marrano
Io che non sono figlio di un Sultano
Ma caro mio signore io umile mi piego
prego
il frutto di un nuova stagione
e allegro
me ne torno al villaggio mio
pregando Dio
Chinato in silenzio per non dar fastidio ad alcuno
faccio delle cose semplici un'insegnamento buono
pensando che forse è meglio esser cauti
che il raccolto non arriva se viene calpestato
da violenti sentimenti
magari se si sta insieme si supera la semina
e ci pensin gli altri che non hanno calli
gobba, ossa rotte, sangue amaro
A farsi neri di problemi
che il mestiere della vita è non fare eccessi
e esser schietti e sinceri
crescere sani come cipressi.
Ma non ha alcuna chiave di volta questo popolano
Ecco che passa un'altra giornata storta
Ecco che fa la fine del popolino
Picchiato e pestato dal signorino
La sua umiltà si va a far benedire
e così tutti i giorni a venire.
E di bestemmie si fa sentire.


_________________
Immagine
I sogni sono come gli angeli/Tengono a bada il male/L'amore è la luce che spaventa il buio/Sono così innamorata di te/Fai dell'amore il tuo scopo


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 1 messaggio ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora [ ora legale ]


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBB.it